La New York Fashion Week eccitante e poetica

La New York Fashion Week eccitante e poetica

La New York fashion week è finita da poche ore lasciandoci un sapore particolarmente dolce e etereo, insolito per una città cosi eccitante e elettrizzante. Ci ha regalato emozioni e sogni; sogni di avanguardia, colore, poesia, arte.

L’amore per la grande mela è indiscutibile per chiunque cammini in questi marciapiedi e l’amore per l’arte e la tendenza che essa emana è unico; e durante la fashion week lo si respira più che mai!

NEW York fashion week street style

New York Fashion week street style

Abbiamo incontrato nomi nuovi  e meno nuovi, noti e meno noti, ma tutti uniti sotto un unico comune denominatore ovvero quello di stupire! Quest’anno ciò che ci ha stupito (scusate il gioco di parole) sono state la classe e lo stile delle scelte stilistiche portate in passerella dai designers, dove è palpabile un notevole ridimensionamento di alcune “follie” propriamente Newyorkesi.

Dall’immancabile Kate Spade, che abbiamo amato con i suoi fiori ciclamino e le righe su shorts, gonne e giacchini, a Tadashi Shoji che ha portato nella City un po’ di oriente colorato di indaco, blu e viola, inondando la sfilata di un arcobaleno di romanticismo.

kate spade new york fashion week

Kate Spade

tadashi shoji new york fashion week

Tadashi Shoji

Eccoci ad un’altro mostro sacro dagli occhi a mandorla di nome Jason Wu, che ci ha presentato una collezione leggermente sotto tono, dai colori scuri di un tramonto di fine estate o di un bosco autunnale, ma che ha comunque dimostrato carattere e forza imponendosi e salendo ancora un gradino dell’olimpo fashion.

Jason Wu spring summer 2016 collection New York FashionWeek

JAson Wu

Una fashion week costellata d’oro, panna e borchie per Hervé Legér by Max Azria che crea una sinuosa icona femminile somigliante ad una grintosa sirena, scegliendo applicazioni hard e reintroducendo il mono-spalla in molte sue creazioni: dalle camicie agli abiti fascianti, dai top con baschina ai pantaloni a palazzo.

herve-leger-max-azria new york fashion week

Hervé Legér by Max Azria

monique-lhuillier new york fashion week

Monique Lhuillier

Mentre Monique Luhllier si riconferma la regina del phatos e della leggerezza, con i suoi modelli romantici ma sanguigni, Givenchy by Riccardo Tisci ci regala una sfilata all’ombra della Torre Uno di Ground Zero, tanto bella quanto imponente, scegliendo come data l’11 settembre, proprio per rendere omaggio alla sua meravigliosa New York. Il direttore creativo della maison, ha voluto fortemente questa location ed ha voluto con se anche un pubblico di gente “normale”, aprendo la sfilata ai “comuni mortali” e non scegliendo i suoi spettatori esclusivamente nel mondo della moda, ma volendo a suo cospetto il “mondo intero”.

Givenchy_spring_summer_2016_New_York_Fashion_Week

Givenchy

Un grande atto di umiltà premiato dal mix di emozioni e contrasti che questa passerella ha saputo regalare non solo per la location, ma anche per le scelte di stile.

givenchy new york fashion week details

Givenchy details

new-york-fashion-week-ss-2016-riccardo-tisci-givenchy-ss-2016-

Givenchy

Diametralmente opposte le collezioni di Alexander Wang e Diane Von Furstemberg: se il primo ha voluto fortemente e nuovamente lo street style scegliendo la pelle il jeans e il vinile, il secondo ha portato una donna burrosa, bella e accattivante inguainata in sete, fantasie anni 50  e abbinando acconciature e make-up con gran classe.

alexander wang new york fashion week

Alessander Wang

Diane_von_Furstenberg_spring_summer_2016_collection_New_York_Fashion_Week1

Diane Von Furstenberg

Stesso discorso per la New York fashion week di Vera Wang e Reem Acra. Se da un lato viene proposto il netto contrasto black & white e uno stile urbano, dall’altro non si smentisce il sentimento e la poesia di un’azienda che ha fatto di tutto questo un mondo e un mood.

Reem_Acra_spring_summer_2016_New_York_Fashion_Week1

Reem Acra

Vera-Wang-SS-2016-1.jpg new york fashion week

Vera Wang

Si spengono le luci, il brusio termina, cala il sipario e va via velocemente (come al suo solito ndr) Anna Wintour.. i riflettori puntano verso la fashion week direzione Londra; presto su MeA!

Ti è piaciuto? Condividilo!
Share on Facebook35Tweet about this on TwitterShare on Google+9Email this to someone

0 comments

Fai il primo commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *