Coco Chanel.. Gabrielle o Mademoiselle?

Coco Chanel.. Gabrielle o Mademoiselle?

Occhi pungenti e una vita tutta da raccontare, un cuore che batte e tanta voglia di diventare qualcuno.

Coco Chanel: la moda. Ovvero da dove tutto nacque, da cui tutto prese forma, da cui tutto cambiò…

Coco Chanel nel 1936

Coco Chanel nel 1936

Lei è Gabrielle Chanel altrimenti detta Coco; la povera Gabrielle, l’orfana Gabrielle, aveva fame Gabrielle, aveva fame di gloria, di moda e di rivoluzione e fu proprio una rivoluzione quando con le sue gracili mani iniziò a cucire pantaloni, gonne e camicette per soppiantare gli insopportabili corsetti, bustini e crinoline che in un baleno divennero solo un lontano ricordo imponendo lo stile garçon e facendolo entrare dalla porta principale nel firmamento della moda.

Una vita difficile quella di Gabrielle una vita che parte da dall’orfanotrofio di Aubazine nel quale venne sbattuta assieme alla sua amata sorella Julie e dal quale uscì per imporsi nella città dei suoi sogni: Parigi.

coco-chanel vintage

La bella Gabrielle

Cappelli, il nero e il bianco, il tweed e gli amori impossibili questi sono stati gli elementi fondamentali della vita della nostra musa, ma noi non siamo qui per raccontarvela, perché di biografie e storie ne avrete lette tante, noi siamo qui per ringraziarla e regalarle il nostro post d’apertura.

21 Rue Cambon fu la prima casa della moda di Chanel, 21 Rue Cambon segnò la fine della sua eterna passione con il suo grande amore Boy Capel che però non la sposò a causa del divario sociale ma che la mise davanti al bivio: carriera o amore? E lei inconsapevolmente scelse il suo vero amore ovvero la moda.

Per prima cosa io non disegno” ripeteva ”non ho mai disegnato un vestito. Adopero la mia matita solo per tingermi gli occhi e scrivere lettere. Scolpisco il modello, più che disegnarlo. Prendo la stoffa e taglio. Poi la appiccico con gli spilli su un manichino e, se va, qualcuno la cuce. Se non va la scucio e poi la ritaglio. Se non va ancora la butto via e ricomincio da capo… In tutta sincerità non so nemmeno cucire”.

coco chanel stilista

L’immancabile sigaretta…

Niente fronzoli dunque perché come dicevi tu, cara Coco Chanel: prima di uscire guardati allo specchio levati qualcosa…

Ti è piaciuto? Condividilo!
Share on Facebook4Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone
0 Comments ,

0 comments

Fai il primo commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *