Mak Tumang tra Haute Couture e abiti scultura

Mak Tumang tra Haute Couture e abiti scultura

Mak Tumang è un designer con una grande visione.

Amante spassionato di cinema e teatro, fa delle sue creazioni delle vere e proprie riproduzioni d’arte.

I suoi abiti scultura, infatti, sono spesso influenzati dal suo amore per i costumi prestigiosi e per l’architettura di diverse epoche lontane, riecheggiano di lusso e sfarzo attraverso l’utilizzo di tessuti preziosi come la seta, il tulle e il feltro.

Sempre alla ricerca di nuove percezioni di “bello“, sperimenta tessuti e trame differenti in sintonia con la natura.

Infatti, la sua propensione per l’utilizzo di materiali naturali, ambientali ed eco-friendly in combinazione con la bellezza e il fascino del mondo della moda, gli ha permesso di essere il “Vincitore del Gran Premio” nel concorso Eco-fashion 2 ° Miss Earth (2009).

Prossimo maestro di Haute Couture e vero designer di moda, dirige il versante della moda lussuosa in un panorama moderno e disincantato che vede nella moda la bellezza del ritorno alla natura, alla maestosità e alla grandezza.

 

Mak Tumang Haute Couture

Mak Tumang Haute Couture

Chi è Mak Tumang?

Secondo tra cinque figli, durante gli anni del college ha prodotto molti disegni da palcoscenico per spettacoli teatrali, concorsi, spettacoli culturali e simili.

Intrapresi gli stufi di Interior Design presso la Scuola filippina di Interior Design e, scoperta una creatività innata e un amore per l’arte, decide di inserirsi nel mondo della moda.

Le prime soddisfazioni non tardano ad arrivare, tanto che diviene semifinalista nella sua prima competizione importante nel prestigioso concorso “Philippine Fashion and Design Competition” (2007), organizzato dal Design Council delle Filippine. Inoltre, è stato menzionato in maniera positiva in questa occasione da Frederick Peralta.

Nel 2012 partecipa alla sfilata di moda “Metrowear Rocks the Runway 2012“, un fashion show organizzato da una combinazione stellare di musica e moda e caratterizzato da una ventina di designer di due generazioni differenti con le loro interpretazioni uniche di moda sostenibile.

In Metrowear Fantasy 2012, con un’ondata di recenti giovani stilisti di Haute Couture come Martin Bautista, Joel Escober e John Herrera, ha presentato una prima fantasia haute couture ispirata alle storie di Natale e alle feste.

La sua collezione da dieci capi ha portato alla nascita di una particolare interpretazione de “Lo Schiaccianoci“, guidata e seguita dall’occhio vigile del maestro Frederick Peralta.

Sono moltissime le celebrità che hanno indossato e indossano le sue creazioni stilate in una lista che inizia da artisti dal calibro di Angelo Aquino, Anne Curtis, Angelica Panganiban, Ruffa Mae Quinto, Solenn Heussaf, Kathryn Bernardo, Yeng Constantino, Maja Salvador, Bea Alonzo e Karylle Tatlonghari, per citarne alcuni.

Cosa dicono di lui?

Di lui dicono Christian Espiritu e Manila Bulletin: “È così interessante vedere un artista così abile impiegare un elemento di design in molte maniere divergenti in una sola collezione. La collezione di Tumang propone una vasta gamma e il suo fascino nasce dal modo con il quale è riuscito a diffondere questi elementi nei suoi pezzi“.

O, ancora, Frederick Peralta:”Mak è unodalle grandi cose sia in questa stagione che in futuro, perché è un designer ben disciplinato. Lui non si fa abbattere dalla difficoltà di essere un designer. Prende tutto un passo alla volta, non ha fretta nel creare. Il suo lavoro è riconosciuto dai suoi colleghi come colui che nel suo lavoro racconta sempre una storia. È uno stilista che sa quello che sta facendo, quindi gli auguro di continuare a fare ciò che fa. Come designer è necessario disporre di una identificazione, i vestiti dovrebbero parlare per se stessi”.

Mak Tumang sembra non avere rivali in fatto di creatività e seguito: il suo profilo Instagram conta 123mila follower e migliaia di cuoricini su ogni singola foto.

Roberta Comes

Ti è piaciuto? Condividilo!
Share on Facebook22Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

0 comments

Fai il primo commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *